Tutti gli articoli di tuttocampo sardegna

L ARZACHENA IN ATTESA DEL RIPESCAGGIO CORTEGGIA VIRGILIO PERRA

Ripescaggio si ,ripescaggio no?Se famo du spaghi,citando Elio e le storie tese sulla vicenda della squadra smeraldina di Menio Fiorini che,retrocessa in eccellenza dopo lo spareggio fratricida ai playout contro il budoni ha fatto subito domanda di ripescaggio .Domanda che ha buonissime probabilita di essere accolta perche in virtu del suo punteggio(44 punti) della solidita economica societaria ,per ultima la famosa vicenda della Nocerina che verrebbe esclusa anche da una non fattibile domanda di ripescaggio (cosa che la lega ha subito escluso in base al comunicato 120 della lega nazionale dilettanti) e dei tanti anni trascorsi in serie d questo la porterebbe in una posizione privilegiata. E la societa smeraldina non si lascia crescere il terreno sotto ai piedi e intanto sonda gia il mercato e il primo obiettivo sembra essere il tecnico cagliaritano decano degli allenatori in sardegna insieme a Bernardo Mereu Virgilio Perra attualmente sotto contratto al Porto Corallo ,fresco vincitore della finale di Coppa Italia regionale contro la Nuorese ma che ha perso invece quella forse piu importante dei playoff regionale contro il fertilia che gli avrebbe dato il pass per provare l accesso alla serie D dalla porta di servizio. Virgilio Perra e un recidivo nella panchina dell Arzachena ,avendola gia allenata tre stagioni fa e lasciando di se un buonissimo ricordo e tanti amici tra cui il dg di allora Antonello Zucchi che lo ricorda con tanto affetto e stima che in un primo momento nell estate 2012 sembrava avessero trovato l accordo per la permanenza sulla panchina poi una settimana fa arrivo come un fulmine a ciel sereno la risoluzione consensuale tra il tecnico selargino e la società. L Arzachena oltre al mister vorrebbe vestire la casacca verde anche al difensore esperto sempre del Porto Corallo classe 84 Fabio Vignati gia nell orbita Cagliari e corteggiato da numerose squadre del cagliaritano fra cui anche il Muravera .

Il mister cagliaritano subentrerebbe al posto del tecnico Luigi Alvardi esonerato l indomani della sfortunata sfida playout come menzionato sopra con il budoni attraverso il sito ufficiale della societa stessa

Scotto saluta e ringrazia tutti per i sei anni indimenticabili

Pierluigi Scotto, dopo sei anni, non è più l’allenatore del Latte Dolce. Il tecnico ha firmato con l’Olbia Calcio e la prossima stagione siederà sulla panchina dei bianchi che giocheranno il campionato di Serie D. Mister Scotto ci tiene a salutare tutti con un messaggio. «Sono stati sei anni indimenticabili – esordisce il tecnico – nei quali abbiamo fatto la storia di questa società, tagliando traguardi impensabili fino a pochi anni fa. In questo momento mi sento di ringraziare alcune persone che in questi anni mi hanno supportato in tutto e per tutto, e penso ad Alessio Marras, Adriano Fantoni, Gianni Sanna e lo storico segretario Ignazio Sias con i quali abbiamo condiviso i primi anni di sacrifici, con la salvezza del 2009 e gli ottimi due campionati successivi prima del vero salto di qualità del 2011-2012». Per Pierluigi Scotto è giunto il momento del salto in una big del calcio sardo, dopo anni di percorso nella società biancoceleste. «Vado via a testa alta – dice Scotto – consapevole di aver dato tutto me stesso. E in questi anni, grazie al Latte Dolce, ho maturato una esperienza professionale che mi ha permesso di mettermi in mostra e la chiamata dell’Olbia in questo senso ne è l’esempio più lampante. Vado a lavorare in una piazza prestigiosa che ha grandi obiettivi e ambizioni e ci arrivo dopo un percorso di crescita notevole costruito insieme al Latte Dolce». In questi sei anni tanti giocatori sono passati per il comunale di via Leoncavallo (prima in terra battuta poi in sintetico, ndr) «e tutti hanno dato qualcosa sia a me che alla società, anche quando ci dovevamo solo salvare – prosegue Scotto –. Sicuramente Omar Delizos e Giacomo Cocco sono stati fondamentali in questi anni per quello che hanno dato sia in campo che nello spogliatoio, con Luca Ruggiu e Pier Giuseppe Satta che piano piano si sono poi ritagliati uno spazio importante in prima squadra, risultando decisivi per i successi futuri. Nella stagione del salto di categoria (2011-2012, ndr) l’arrivo di Alessandro Nieddu, Alessio Derudas, Andrea Mura e del bomber Andrea Usai ci hanno dato quello che ci serviva per raggiungere gli obiettivi più prestigiosi». Insieme ai risultati è arrivato anche il pubblico che ha riempito di frequente la tribuna del comunale, risultando spesso il classico “elemento aggiunto” a supporto della squadra. «Al Latte Dolce sono stato prima giocatore (vincendo lo storico campionato di Prima categoria stagione 1995/1996, ndr), poi allenatore nelle squadre del settore giovanile per arrivare alla fine in Prima squadra e tra quella di riuscire a portare i sostenitori al campo posso annoverarla tra le soddisfazioni più grandi. Il quartiere, e non solo, hanno risposto alla grande alle prestazioni della squadra e con una media di 400 persone a partita siamo stati supportati in maniera calda ma corretta, questo voglio precisarlo». Tante soddisfazioni in questi anni, «a cominciare dalla finale di coppa Italia contro il Pula del 2011, una partita che, nonostante la sconfitta (1-0, ndr) ci ha fatto capire che con alcuni piccoli innesti avremmo potuto iniziare un percorso importante come poi è stato. Arrivare a giocare le trasferte di Fregene e Montegranaro è stato qualcosa di straordinario, e li abbiamo capito che eravamo pronti per la serie D, una categoria che, ripeto, abbiamo fatto vedere di poter meritare alla grande. Adesso auguro alla società di raggiungere nuovamente traguardi prestigiosi e di togliersi le stesse soddisfazioni che abbiamo provato in questi anni insieme». La società Latte Dolce Calcio ringrazia Pierluigi Scotto per i prestigiosi risultati raggiunti in questi anni e gli augura ogni soddisfazione nel proseguo della sua carriera. fonte : http://www.lattedolcecalcio.it/page/component/content/article/41-news/1411-mister-scotto-saluta-lgrazie-a-tuttir.html

Abano-Fertilia ritorno finale playoff eccellenza nazionali

In vista dello scontro finale contro i sardi del Fertilia,
domenica 15 giugno ore 16 (ricordiamo all’andata si era imposta per 0-2 proprio in Sardegna) l’Abano pare concentratissimo sulla partita più importante dell anno. Nonostante l’importante vantaggio acquisito nella partita di andata c’è grande rispetto per un avversario forte come il Fertilia, che verrà a giocarsi tutto non avendo più niente da perdere.

Sarà sicuramente una partita durissima che siamo sicuri che l’Abano giocherà dando il massimo delle proprie possibilità

Per i nero verdi tutti al completo. Unica incertezza è Maniero Nicola che però è sulla via del totale recupero e ci vuole essere.

per gli algheresi per contro,oltre al risultato proibitivo ,(dovranno solo vincere con 3 gol o piu di scarto senza subirne per essere promossi per la tanto sognata serie D)dovranno fare a meno anche del calciatore se non piu rappresentativo ,forse piu in forma del momento christian luiu che segno un gol a torgiano e fece la differenza anche al ritorno quando entro al secondo tempo cambiando notevolmente la partita .un in bocca al lupo a christian luiu .
Dovranno stare attenti anche mereu stefano e piga carlo e milo luca del fertilia,a non farsi sventolare un altro cartellino giallo ,ammonizione con diffida per loro
.leggere il comunic.seguente in allegato .in bocca al lupo ad entrambe le squadre e speriamo si assista a una vera partita di calcio e vinca il migliore

Pietro Vargiu

GRADUATORIA RIPESCAGGI IN SERIE D (ARZACHENA PRIMA)

Questa dovrebbe essere la graduatoria per i ripescaggi delle società retrocesse dopo i play-out o per distacco superiore ai 9 punti:
1. Arzachena – 42 punti 2. Camaiore – 35 punti 3. Alzano Cene – 33 punti 4. Gozzano – 30 punti 5. Vibonese – 28 punti 6. Città di Messina – 28 punti 7. Real Vico Equense – 27 punti 8. Deruta – 26 punti 9. Albese – 25 punti 10. Palazzolo – 23 punti 11. Vittorio Falmec – 23 punti 12. U.F. Monfalcone – 21 punti 13. Sulmona – 9 punti 14. Real Metapontino – 8 punti 15. FiesoleCaldine – 7 punti Nello specifico io ho messo rispettivamente 1 e 2 punti in meno a Vibonese e Città di Messina perché non ho considerato cumulabili i punteggi per il Bacino di Utenza, le altre differenze (al massimo di 1 punto) sono relative all’Impianto, in quanto punteggio discrezionale. Delle suddette 15 società al momento solo Gozzano, Arzachena, Real Vico e Vibonese hanno già dichiarato che presenteranno domanda di ripescaggio, mentre Albese, Alzano Cene, Vittorio Falmec e Monfalcone sono in dubbio. Sulle altre non ho trovato indicazioni, molte di esse sono in difficoltà economica (es. Palazzolo, Sulmona, Città di Messina) e quindi difficilmente potranno presentare domanda.

POSSIBILE GRADUATORIA PER EVENTUALI RIPESCAGGI IN LEGA PRO

La graduatoria giusta è quella con la Torres prima (sarebbe prima anche se il Rimini fosse ripescabile), visto che per la regola dell’alternanza quest’estate la prima ripescata sarà la miglior retrocessa dalla C2 (ossia appunto la Torres) poichè l’estate scorsa invece la prima ripescata è stata la vincitrice dei playoff di Serie D. La Correggese è al 2° posto, il Cuneo (o eventualmente il Rimini se fosse ripescabile) al 3° e l’Akragas al 4°. Ecco una possibile graduatoria, anche se ci sono pareri discordanti dal 5° posto in poi. POSSIBILE GRADUATORIA PER EVENTUALI RIPESCAGGI IN LEGA PRO (oltre al 1° ripescaggio che ci sarà sicuramente per rimpiazzare la Nocerina): 1. Torres (ripescata al posto della Nocerina) 2. Correggese 3. Cuneo (o Rimini se fosse ripescabile) 4. Akragas 5. Delta Porto Tolle 6. Matelica 7. Martina Franca 8. Pomigliano 9. Sorrento 10. Foligno o Borgosesia

<script type=”text/javascript”>
<!–
nc_bg_color = ‘#ffffff’; // colore di sfondo
nc_border_color = ‘#006AB3’; // colore del bordo
nc_border_bottom_color = ‘#006AB3’; // colore del bordo sotto al titolo delle notizie, se non è inserito non apparirà
nc_date_color = ‘#F39912’; // colore della data, se non è inserito non apparià
nc_date_format = ‘d/m’; // formato data: d/m per giorno/mese, o H:i:s per ore:minuti:secondi, o d/m H:i:s per giorno/mese ore:minuti:secondi
/* Scegli il formato della data usando questo codice (Se non inserito apparirà nel formato: d/m):<br>d -> giorno, m -> mese, Y -> anno, H -> ore, i -> minuti, s -> secondi */
nc_link_color = ‘#000000’; // colore link
nc_link_color_hover = ‘#F39912’; // colore link al passaggio del mouse
nc_width = ‘150’; // larghezza
nc_target = ‘_blank’; // destinazione link
nc_logo_align = ‘center’; // allineamento immagine logo: center, left o right (centro, sinistra o destra); inserire il testo “nologo” per non visualizzare l’immagine
//–>
</script>
<script type=”text/javascript” src=”http://www.notiziariocalcio.com/rss/syndication.php”></script>

Fertilia-Abano finale andata spareggio playoff i veneti ipotecano la serie d

Si è giocata ieri l’andata della Finale playoff nazionale tra Fertilia e Abano Terme.La squadra veneta non perdeva da 23 partite mentre il Fertilia non aveva mai perso in casa in questa stagione.Che sarebbe stata una partita molto tattica si era capito da subito infatti in tutta la gara non ci sono state vere e proprie palle gol da nessuna parte e complica anche il gran caldo i ritmi sono stati veramente bassi.Cosa che ha certamente aiutato l’Abano che era venuta per cercare un risultato positivo in vista della gara di ritorno di domenica in casa.
Fertilia che si presenta senza 5 titolari (Dedola, Fadda, Masala, Puddu e Santona)e che è costretto a schierare Tedde terzino (uno spreco sicuramente considerando la caratura del giocatore ma che per necessità si è dovuto adattare al ruolo.Abano senza lo squalificato Maniero,Nel primo tempo i ritmi della gara rimangono bassi forse per evitare di arrivare a fine partita a corto di fiato.Il Fertilia prova a fare la partita cercando la verticalizzazione per la punta Chelo che però è sempre controllata dai centrali dell’Abano.Una difesa molto ermetica sicuramente quella veneta.Il Fertilia infatti non riuscendo ad entrare in area prova spesso anche il tiro da fuori ma a parte un quasi autogol salvato dal portiere ospite, l’Abano non rischia quasi mai niente.per contro il vece l’Abano agisce in contropiede e pur non creando grosse palle gol il portiere Murgia è bravo a sventare un paio di tentativi.
Nel secondo tempo il copione non cambia il Fertilia prova a fare la partita e l’Abano cerca di ripartire in contropiede facendo anche passare secondi preziosi dato che cmq lo 0-0 è un risultato sicuramente buono in vista della gara di ritorno.a metà ripresa arriva la beffa per il Fertilia.In una ripartenza la palla arriva sui piedi di Barrichello che in semi rovesciata mette dentro senza che il portiere Murgia possa intervenire. Gran bel gol questo e come spesso capita in queste partite solo la giocata di un singolo poteva sbloccare una partita che era incanalata verso un pareggio a reti bianche.Da li in poi il Fertilia si getta in avanti ma con poche idee e al primo minuto di recupero un altro contropiede permette a Bortolotto di calciare a rete, il portiere Murgia respinge ma sulla palla si avventa De Cesare che insacca per il 2-0 ospite.Finisce così con la vittoria degli ospiti.Un risultato certamente bugiardo per quanto visto in campo ma che di sicuro mette l’Abano Terme con più di un piede in serie D.Al Fertilia servirà un miracolo nella gara di ritorno sperando soprattutto di poter recuperare alcuni degli assenti di oggi.Dovranno fare a meno di Luiu che verrà squalificato, ma le possibilità per una impresa ci sono ancora.

Doppio colpo del Milan: presi Menez e Alex

A tutti quelli che criticavano di immobilismo e indifferenza la società Milan, in primis Galliani e Lady B, arriva la notizia che il club ha messo a segno due colpi niente male.

Il primo è Menez, vecchia conoscenza della Roma e in scadenza di contratto con il PSG. Galliani non se lo è lasciato sfuggire, dovrebbe essere una questione di dettagli l’accordo sul contratto.

Mentre Alex, il roccioso brasiliano sempre del PSG (in città c’è il suo agente Kia Joorabchian) dovrebbe addirittura depositare la firma del contratto già in serata.

Bel colpo del milan. Tutto è nato da un presunto incontro tra Pippo Inzaghi (prossimo allenatore rossonero anche se non ancora ufficiale), Galliani e il giocatore a Ibiza, che ha fatto nascere più di un sospetto. Menez ha dato da subito la disponibilità a cambiare aria, per cercare fortuna altrove dato che con il mister transalpino Blanc ha avuto poco spazio (solo 16 presenze e 2 gol in questa stagione, davvero poco per il talento francese).

Tornando ad Alex, il primo colpo di Galliani, non dimentichiamo che il suo procuratore Kia Joorabchian è anche quello del talento marocchino Taraabt, per cui si spera che parleranno anche di lui per cercare di trovare un accordo per farlo restare in rossonero. Se lo merita d’altronde …

Balotelli corteggiato da due squadre inglesi

Il Milan, su ordine del patron Silvio Berlusconi, mai veramente innamorato di supermario (ora in ritiro con la nazionale italiana quando mancano solo una settimana e alcune amichevoli al debutto al mondiale 2014), criticato spesso e volentieri di non giocare troppo vicino alla porta e infastidito dal suo comportamento infantile e mai in stile Milan, sembra abbia dato il via libera, partendo però da un prezzo base di 30 milioni di euro, in linea col valore del talento del Milan e della nazionale italiana.

In pole position ci sarebbero il Chelsea, dove Balotelli ritroverebbe il suo vecchio allenatore Jose Mourinho, che si dice entusuasta di ritrovare sotto la sua guida Balotelli, e l’Arsenal di mister Wenger. Staremo a vedere .

Mourinho special one anche nei pronostici? Speriamo ci azzecchi

 

Mourinho special one anche nei pronostici? Speriamo ci azzecchi

 

Jose MourinhoLo special one, o vice special one (dopo la terza coppa dalle grandi orecchie vinta alzata in cielo da sua maestà Ancelotti lo reputo il vice) ha deciso di cimentarsi anche nei pronostici indicando l’Italia come favorita assoluta al mondiale brasiliano ormai alle porte, anche se avrà come dice lui stesso in una recente intervista un girone non tanto facile.

Ma l’Italia ha cuore, tradizione e tecnica e tanti giocatori di esperienza come Pirlo, Balotelli, Marchisio, assoluti protagonisti con la loro squadra di appartenenza (d’altronde non a caso è la seconda nazionale che ha vinto il maggior numero di titoli dopo il grande Brasile e una delle squadre ad aver disputato più finali dopo la Germania).

Speriamo ci azzecchi il mister Mourinho. Tutta l’Italia ne sarà felice. Staremo a vedere, forza azzurri!